Fitness & Natural BB Coaching Online PT

Per prima cosa parliamo dell’obesità

L’obesità sta aumentando in modo epidemico nella maggior parte dei paesi ed è un problema di salute pubblica, considerando la stretta relazione che esiste con alcuni disturbi metabolici, come il diabete di tipo 2 e il rischio di malattie cardiovascolari. A causa della diffusione dell’obesità, l’aspettativa di vita nei paesi industrializzati sta iniziando a diminuire, per la prima volta nella storia recente.

I fattori che determinano l’accumulo di massa grassa negli adulti non sono ancora del tutto chiari, ma si ritiene che l’aumento dell’accumulo di grasso negli adipociti già sviluppati sia decisivo. Vogliamo dimostrare che il numero di adipociti è un fattore determinante per lo sviluppo della massa grassa negli adulti. Tuttavia, il numero di cellule adipose rimane costante sia nei soggetti magri che obesi (anche dopo la perdita di peso), che indica che il numero di adipociti è determinato durante l’infanzia e l’adolescenza. Per stabilire le dinamiche che mantengono costante il numero di adipociti negli adulti, abbiamo misurato il turnover degli adipociti analizzando l’integrazione di C14 derivata da un test atomico sul DNA genomico. Circa il 10% delle cellule adipose viene rinnovato ogni anno negli adulti, a tutte le età e per tutti i livelli di BMI (indice di massa corporea). Né la morte degli adipociti né il tasso di rigenerazione sono stati modificati in un’obesità a esordio precoce, questo suggerisce una rigida regolazione del numero di cellule adipose negli adulti in queste condizioni. L’alto turnover degli adipociti stabilisce un nuovo target terapeutico per l’intervento farmacologico nell’obesità.


Spalding KL, Arner E, Westermark PO, Bernard S, Buchholz BA, Bergmann O, Blomqvist L, Hoffstedt J, Näslund E, Britton T, Concha H, Hassan M, Rydén M, Frisén J, Arner P.
Natura. 2008 maggio

Ora, l’effetto Whooshing!

Dopo 2 settimane di dieta, stai peggiorando? No panico, è l‘effetto “whooshing”.

Hai migliorato la tua dieta, allenamento e integrazione. Il tuo stile di vita, sonno, approccio al fitness in generale. Per un paio di settimane hai seguito in modo ordinato senza sgarrare di una virgola e… Sei peggiorato! Prima di cambiare tutti i piani, fermati un attimo e rifletti con noi.

La domanda tipica dell’utente è “Sono ipocalorico ma non perdo grasso, cosa dovrei fare?”. La risposta deve essere: “Devi pensare solo a una cosa: continuare”.

Dopo due settimane non è possibile trarre conclusioni, né dal lato dell’utente né dal lato del professionista. Lascia a casa la tua bioimpedenza e i tuoi plicometri: nei primi 14-21 giorni di restrizione calorica o cambiamento di abitudini è normale vedere un peggioramento della composizione corporea.

Non preoccuparti: la cosa bella è che, dopo quell’intervallo di tempo, dirai “Non ci credo: oggi i kg della bilancia danno meno 2!” E potevi misurare con la plicometria una somma totale di 10 mm (o più) in meno.

Perché succede?

Perdita di acqua dagli adipociti

È normale vedere che le diete funzionano a “stop & go”, così puoi iniziare una dieta e non vedere nulla per giorni e giorni fino a quando, ad un certo punto, dalla sera al mattino, scendi di 1,5 kg e noti un perdita di peso significativa.

La teoria che spiega questo fenomeno è la seguente: gli adipociti svuotati dei trigliceridi vengono temporaneamente riempiti con acqua (aiutati dal glicerolo, che lo attrae) – come se volessero mantenere il loro volume, pronto per un successivo riempimento. Quindi non vi è alcun cambiamento immediato nel peso e nella composizione corporea. Dopodiché, dopo un certo periodo di tempo, l’acqua scompare e gli adipociti si svuotano e la perdita di grasso diventa visibile.

È possibile evitare questo fenomeno?

Evitare il fenomeno è impossibile; accelerare ciò che Lyle McDonald ha definito “whoosing” è fattibile. Uno dei motivi per fare questo è aumentare l’aderenza del cliente alla dieta.

In effetti, le tipiche frasi dell’utente sono “Se non vedo risultati immediatamente, perdo la motivazione”; allo stesso modo “Preferisco soffrire all’inizio e vedere i risultati rapidamente, quindi rallentare una volta che ho acquistato la giusta carica”.

Ecco come accelerare lo svuotamento.

Inserire un pasto di carboidrati riducendo l’assunzione di acqua

Un pasto a base di carboidrati (50 g) da fonti di cibo scarsamente idratate (gallette di riso, pane tostato), specialmente dopo l’allenamento, fa sì che il glucosio ingerito venga depositato sotto forma di glicogeno nei muscoli, attirando acqua. Ridurre l’assunzione di acqua in questo momento fa sì che il corpo lo ricava dai settori in cui c’è di più e ne ha meno bisogno: in quel momento, proprio negli adipociti.

Un esempio potrebbe essere:

Aumentare i carboidrati nel pasto serale di 50 g (da fonti complesse disidratate);


Non bere dalle 18:00 di quel giorno alla mattina del giorno successivo.

Vino? Vino…

L’alcol molto demonizzato (dovrebbe esserlo, ma teniamo sempre d’occhio le dosi) potrebbe aiutare in questo senso. L’alcol è diuretico e ingerito in piccole quantità senza compensare con un elevato consumo di acqua, fa sì che il corpo rimuova l’acqua nelle zone in cui vi è in abbondanza e in quei momenti non è molto funzionale. Nel nostro caso, negli adipociti.

La costanza è la virtù del “tirato”

Troppo spesso ho visto modifiche al piano nutrizionale o di allenamento dopo nemmeno 3-4 settimane di applicazione. Risultato? La persona era confusa e in preda al panico, chiedendo al suo coach di cambiare tutto insieme (dieta, allenamento, integrazione, stile di vita e così via).

Ricorda questo fenomeno la prossima volta che inizi un viaggio nel fitness.

Costanza, pazienza e dedizione sono le chiavi del successo.

scritto da Riccardo Alessandro Migliorini

Vuoi saperne di più sul coaching online? Come funziona? Avere qualche recensione da chi lo ha già provato? – CLICCA QUI

Scarica Gratuitamente la mia scheda di 4 settimane per mantenerti in forma in vacanza!

Scarica Gratuitamente il mio calcolatore di macros personalizzato!

First af all let’s talk about obesity

Obesity is increasing epidemic in most countries and is a public health problem, considering the close relationship that exists with some metabolic disorders, such as type 2 diabetes and the risk of cardiovascular disease. Due to the spread of obesity, life expectancy in industrialized countries is starting to decline, for the first time in recent history. The factors that determine the accumulation of fat mass in adults are not yet fully understood, but it is thought that the increase in fat accumulation in the already developed adipocytes is decisive. We want to show that the number of adipocytes is a determining factor for the development of fat mass in adults. However, the number of fat cells remains constant in both lean and obese subjects (even after weight loss has been recorded), which indicates that the number of adipocytes is determined in infancy and adolescence. To establish the dynamics that keep the number of adipocytes constant in adults, we have measured the turnover of adipocytes by analyzing the integration of C14 derived from an atomic test on genomic DNA. Approximately 10% of fat cells are renewed annually in adults, at all ages and for all levels of BMI (body mass index). Neither adipocyte death nor the regeneration rate has been modified in an obesity from early onset, this suggests a strict regulation of the number of fat cells in adults under these conditions. The high turnover of adipocytes establishes a new therapeutic target for pharmacological intervention in obesity.
Spalding KL, Arner E, Westermark PO, Bernard S, Buchholz BA, Bergmann O, Blomqvist L, Hoffstedt J, Näslund E, Britton T, Concha H, Hassan M, Rydén M, Frisén J, Arner P.
Nature. 2008 May

Now, the Whooshing effect!

After 2 weeks dieting, you’re getting worse? No panic, it’s the “whooshing” effect.

You have improved your diet, training and integration. Your lifestyle, sleep,approach to fitness in general. For a couple of weeks you’ve been following certinely without breaking a comma and yet … You got worse! Before changing all the plans, stop for a moment and discuss with us.

The typical question of the user is “I’m in low-calorie but I do not lose fat, what should I do?”. The answer must be: “You have to think only of one thing: to continue”.

After two weeks no conclusions can be drawn, neither on the user’s side nor on the professional side. Leave your Bioimpedance and your plicometers at home: in the first 14-21 days of caloric restriction or change of habits it is common to see worsening of body composition.

Do not worry: the nice thing is that, over that time interval, you will say “I do not believe it: today the scale scores minus 2!” And you could measure with the plicometry a total sum of 10 mm (or more) less.

Why does this happen?

Loss of water from adipocytes

It is common to see that diets work at “stop & go”, so you can start a diet and not see anything for days and days until, at a certain point, from evening to morning, you go down 1.5kg and you notice a significant weight loss.

The theory that explains this phenomenon is the following: the emptied adipocytes of triglycerides are temporarily filled with water (aided by glycerol, which attracts it) – as if to maintain their volume, ready for a subsequent filling. Thus there is no immediate change in weight and body composition. After that, after a certain amount of time, the water goes away and the adipocytes are emptied, and the loss of fat becomes visible.

Is it possible to avoid this phenomenon?

Avoiding the phenomenon is impossible; speeding up what Lyle McDonald called “whoosing” is feasible. One of the reasons for doing this is to increase the client’s compliment to the diet or training.

In fact, the typical user phrases are “If I do not see results immediately, I lose motivation”; similarly “I prefer to suffer at first, and see results quickly, then slow down once I have purchased the right charge”.

Here is how to speed up the whooshing.

Insert a carbohydrate meal by reducing water intake

A carbohydrate meal (50 g) from poorly hydrated food sources (rice cakes, toasted bread), especially after training, causes the ingested glucose to be deposited as glycogen in the muscles, attracting water. Reducing the intake of water at this time causes the body to derive it from the sectors in which there is more and need less: at that time, right in the adipocytes.

An example could be:

Increase the carbohydrates in the evening meal by 50g (from low-hydrated sources);
Do not drink from 18:00 of that day to the morning of the next day.

Wine? Wine…

The much demonized alcohol (it should be, but we always keep an eye on the doses) could help in this regard. Alcohol is diuretic and ingest small quantities without compensating with a high water intake, causes the body to remove water in the areas in which there is plenty and in those moments is not very functional. In our case, in adipocytes.

Constancy is the virtue of the ripped

Too often I have seen changes to the nutritional or training plan after not even 3-4 weeks of application. Result? Person bewildered and panicked, seeing him anhce in his professional who hysterically advised him to change everything together (diet, training, integration, lifestyle and so on and so forth).

Remember this phenomenon the next time you start a fit journey. Constance and dedication are the keys to success.

written by Riccardo Alessandro Migliorini

Want to learn more about online coaching? How does it work? Have any reviews from those who have already tried it? – CLICK HERE

Free download my 4-week program to keep in shape on vacation!

Free Download my personalized macros calculator!

Donation

If you like my articles and you want to support me to give some free scientific knowledge to people who love healthy and fitness lifestyle, Buy me a Coffee!

€5,00

Per non perderti gli articoli che verranno pubblicati, iscriviti via email!


https://www.googletagmanager.com/gtag/js?id=UA-136868692-1

window.dataLayer = window.dataLayer || [];
function gtag(){dataLayer.push(arguments);}
gtag(‘js’, new Date());

gtag(‘config’, ‘UA-136868692-1’);

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: